Autore Topic: Il meteofilo  (Letto 5948 volte)

Rosamaria Arcuraci

  • Utente storico
  • *****
  • Post: 899
  • Messina Centro 66 m slm
    • Mostra profilo
Il meteofilo
« il: 18 Gennaio, 2013, 16:47:37 pm »
Il meteofilo siciliano sui forum.

Sole: depressione acuta e lamenti continui, si augura che come minimo si annuvoli per porre fine a quella luce accecante

Nuvoloso: si lamenta perché sono nuvole sterili che non solo non portano precipitazioni, ma non permettono neanche alla temperatura di scendere bene!! Maledette!! Tanto vale avere il sereno!!

Nuvoloso con pioggia: finalmente piove!! Ma si lamenta perché è intensa ma dura poco praticamente 10 minuti e subito dopo esce il sole, oppure dura tanto, praticamente quasi tutta la giornata ma è pioggerella finissima e accumula poco o nulla, o ancora è veramente troppa e causa morte e distruzione!!

Temporale: il soggetto qui si esalta, appena ha solo la vaga impressione di aver percepito un tuono lontano esulta e inizia ad attendere l’arrivo del temporale, il grado di esultanza è direttamente proporzionale con l’avvicinarsi del rombo dei tuoni e raggiunge l’apice quando vede i fulmini cadergli a pochi metri. Ma immediatamente dopo repentino calo del’umore e ripresa dei lamenti dovuti all’eccessiva breve durata del temporale, o al fatto che fosse solo coreografico senza aver prodotto quasi  per nulla pioggia, o ancora per il fatto che sia sfilato d’avanti ai suoi occhi beffandosi di lui e andando a scaricare tutta la sua pioggia a poche centinaia di metri da casa sua.

Freddo con o senza neve: ci si aspetterebbe almeno un umore positivo e invece no!! Il freddo causa le maggiori turbe psichiche per svariati motivi. Se ci troviamo di fronte ad un freddo intenso ma sterile il meteofilo si lamenta del fatto che se ci fossero state precipitazioni, anche ridicole, sarebbe stata neve al 100% e invece deve sorbirsi il gelo con il sole!! Tanto vale avere 40°C all’ombra almeno poteva andarsene al mare!! Se invece il freddo c’è e le precipitazioni non mancano il meteofilo  diventa ossessivo compulsivo, aggiornando continuamente tutti i modelli matematici che offre la rete, cercando quello più favorevole a lui , e anche se non esiste se lo inventa vedendo isoterme fantasma sulla propria testa alle diverse quote!! Entra in conflitto con se stesso ma soprattutto con tutti gli altri meteofili  innervosendosi se lui vede la -2 e un altro vede la -1, scoppiano risse e discussioni infinite sui vari forum.  Quando finalmente la perturbazione arriva inizia la caccia al fiocco , e anche qui risse su chi per primo e a quale quota vede cadere un fiocco davanti al suo lampione di fiducia, affermazione che viene immediatamente smentita da un altro meteofilo che sta a 400 km da lui secondo il quale a quella quota la neve è impossibile che cada, quindi inevitabilmente inizia l’analisi chimico/fisica della meteora per stabilire di cosa effettivamente si sia trattato.  A evento finito si tirano le somme e il risultato finale è IL LAMENTO. Se non ha nevicato è ovvio che ci si lamenti per l’occasione perduta , se la neve è caduta ma non ha attecchito ci si lamenta, se ha attecchito ma per poco tempo ci si lamenta, se ha attecchito ci si lamenta perché sono solo pochi cm,  se ne ha fatta tanta da doverla spalare per uscire di casa ci si lamenta perché tanto si sa prima o poi la temperatura è destinata a salire e la neve inesorabilmente si scioglierà!!


Mistral

  • Utente storico
  • *****
  • Post: 5318
  • Caltagirone 608 slm
    • Mostra profilo
Re:Il meteofilo
« Risposta #1 il: 18 Gennaio, 2013, 17:22:04 pm »
40 ALL'OMBRA  :o ma io ho caldo gia a 18.5 accendo il condizionatore auto per esempio,il mareee sicuro... Lo odio :'(
Non mollare mai

Nio

  • Visitatore
Re:Il meteofilo
« Risposta #2 il: 23 Gennaio, 2013, 20:42:05 pm »
Il meteofilo siciliano sui forum.

Sole: depressione acuta e lamenti continui, si augura che come minimo si annuvoli per porre fine a quella luce accecante

Nuvoloso: si lamenta perché sono nuvole sterili che non solo non portano precipitazioni, ma non permettono neanche alla temperatura di scendere bene!! Maledette!! Tanto vale avere il sereno!!

Nuvoloso con pioggia: finalmente piove!! Ma si lamenta perché è intensa ma dura poco praticamente 10 minuti e subito dopo esce il sole, oppure dura tanto, praticamente quasi tutta la giornata ma è pioggerella finissima e accumula poco o nulla, o ancora è veramente troppa e causa morte e distruzione!!

Temporale: il soggetto qui si esalta, appena ha solo la vaga impressione di aver percepito un tuono lontano esulta e inizia ad attendere l’arrivo del temporale, il grado di esultanza è direttamente proporzionale con l’avvicinarsi del rombo dei tuoni e raggiunge l’apice quando vede i fulmini cadergli a pochi metri. Ma immediatamente dopo repentino calo del’umore e ripresa dei lamenti dovuti all’eccessiva breve durata del temporale, o al fatto che fosse solo coreografico senza aver prodotto quasi  per nulla pioggia, o ancora per il fatto che sia sfilato d’avanti ai suoi occhi beffandosi di lui e andando a scaricare tutta la sua pioggia a poche centinaia di metri da casa sua.

Freddo con o senza neve: ci si aspetterebbe almeno un umore positivo e invece no!! Il freddo causa le maggiori turbe psichiche per svariati motivi. Se ci troviamo di fronte ad un freddo intenso ma sterile il meteofilo si lamenta del fatto che se ci fossero state precipitazioni, anche ridicole, sarebbe stata neve al 100% e invece deve sorbirsi il gelo con il sole!! Tanto vale avere 40°C all’ombra almeno poteva andarsene al mare!! Se invece il freddo c’è e le precipitazioni non mancano il meteofilo  diventa ossessivo compulsivo, aggiornando continuamente tutti i modelli matematici che offre la rete, cercando quello più favorevole a lui , e anche se non esiste se lo inventa vedendo isoterme fantasma sulla propria testa alle diverse quote!! Entra in conflitto con se stesso ma soprattutto con tutti gli altri meteofili  innervosendosi se lui vede la -2 e un altro vede la -1, scoppiano risse e discussioni infinite sui vari forum.  Quando finalmente la perturbazione arriva inizia la caccia al fiocco , e anche qui risse su chi per primo e a quale quota vede cadere un fiocco davanti al suo lampione di fiducia, affermazione che viene immediatamente smentita da un altro meteofilo che sta a 400 km da lui secondo il quale a quella quota la neve è impossibile che cada, quindi inevitabilmente inizia l’analisi chimico/fisica della meteora per stabilire di cosa effettivamente si sia trattato.  A evento finito si tirano le somme e il risultato finale è IL LAMENTO. Se non ha nevicato è ovvio che ci si lamenti per l’occasione perduta , se la neve è caduta ma non ha attecchito ci si lamenta, se ha attecchito ma per poco tempo ci si lamenta, se ha attecchito ci si lamenta perché sono solo pochi cm,  se ne ha fatta tanta da doverla spalare per uscire di casa ci si lamenta perché tanto si sa prima o poi la temperatura è destinata a salire e la neve inesorabilmente si scioglierà!!


No ti sbagli questo è il profilo di un MEteoropatico è con parecchi problemi... :) ;D